PRISMA

 

Elisabeth Champollion
recorder
Franciska Hajdu
violino
Alon Sariel
mandolino e luito
Soma Salat-Zakariás
viola da gamba

17.09.2022 – 20:00
Palazzo Sangiovanni
Alessano (LECCE)

John Playford (1623-1686/87)

Hornpipe
Johny Cock (from: The Division Violin)
Newcastle (from: The Dancing Master)

Tradizionale

My wife’s a wanton wee thing
The 9th of July
Dusty windowsills

Archibald McDonald of Keppoch
Daphne
The Star of County Down>
Musical Priest
Cooleys
Swallowtail jig

 

John Playford (1623-1686/87)

All in a garden green
Drive the cold winter away

Traditional

Skye Boat Song
Neil Gow’s Lament for his second wife
Londonderry Air

John Playford (1623-1686/87)

Upon a Summer’s Day
Godesses

Henry Purcell (1659-1695)

Rondeau
Hornpipe
(from: The Fairy Queen)

Nicola Matteis (1650-1714)

Ground after the Scotch Humour

Henry Purcell (1659-1695)

Rondeau
Hornpipe
(from: Abdelazer)

Ralph McTell(1944-)

Streets of London

Traditional

Carolan’s Draught

Thomas Ford(1580-1648)

Cate of Bardie

Traditional

Jenny’s wedding
The sailor’s wife
The green fields
Kerry Reel
Tatter Jack Walsh

PRISMA

Questi artisti-avventurieri provenienti da diverse regioni d’Europa e oltre, sono uniti dalla pura gioia che condividono mentre si tuffano in nuovi mondi musicali. PRISMA si avvicinano alla loro musica attraverso l’esperienza diretta: l’incontro con i musicisti locali è parte integrante dei loro viaggi. In questo modo, raccolgono molte idee musicali concrete durante i tour in luoghi come l’Ungheria, la Slovenia, la Repubblica Ceca e la Romania, nonché l’Italia e l’Inghilterra – melodie o brani specifici che vengono poi assorbiti nei loro programmi.
I quattro giovani musicisti lasciano che le loro radici franco-tedesche, ungheresi e israeliane fluiscano organicamente nei loro programmi, che hanno dedicato al collegamento tra la musica popolare storicamente radicata e la musica “d’arte” dei secoli precedenti. Nel loro primo CD “SEASONS” (2018), si possono ascoltare danze tradizionali come la tarantella, la ciaccona e il canario insieme ai freschi arrangiamenti di musica barocca italiana. Il loro secondo CD “IL TRANSILVANO” (2020) fa un ulteriore passo avanti, costruendo ponti tra l’arte e la musica popolare ungherese e italiana.
I quattro componenti di PRISMA si sono incontrati per la prima volta diverse settimane prima dell’edizione 2015 dell’International H.I.F. Biber Competition in Austria; dopo un breve ma molto intenso periodo di prove, sono tornati a casa con il primo premio del concorso. Un anno dopo, il quartetto è stato selezionato per il programma d’ensemble sponsorizzato dall’UE “Eeemerging”, con il quale mantiene ancora un legame.